logouaiprer

UAIPRE- ANCCE ITALIA ogni anno organizza nell’ambito delle piu’ importanti Fiere del settore, Saloni dedicati interamente ai cavalli spagnoli dove si svolgono tutte le discipline inerenti al P.R.E. .
Morfologia, Dressage, Doma Vaquera, Alta Scuola dove i soci possono promuovere le loro attività: allevatoriale, centri ippici, spettacoli, etc.
Inoltre per tutti i soci che vogliono semplicemente mostrare i loro soggetti senza l’impegno agonistico, vi è la possibilità nelle fiere di effettuare esibizioni libere in momenti organizzati ad hoc per l’evento!

GLOSSARIO

SPAGNOLO – ITALIANO

  • Agarrador. laccio di cuoio della sella vaquera al quale il cavaliere si afferra per aiutarsi a montare in sella.
  • Alta Escuela. letteralmente “Alta Scuola” . Disciplina dell’equitazione spagnola. Le arie di questa disciplina includono il passo Spagnolo, il piaffe, il passage, la levade e le arie alte.
  • Amazona. Amazzone. Termine usato anche per indicare il tipo di monta e la gonna indossata per questa disciplina.
  • Ancce (Asociaciòn Nacional de Criadores de Caballos de Pura Raza Española). E’la traduzione dallo spagnolo di : Associazione Nazionale di Allevatori del Cavallo di Pura Razza Spagnola. Dal primo gennaio del 2007 (succedendo al FESCCR) gestisce mondialmente il Libro genealogico del PRE per conto del Ministero Spagnolo Mapa.
  • Apto. Letteralmente “atto, abile”. Termine usato quando un cavallo a partire dai tre anni compiuti viene giudicato positivamente per la riproduzione.
  • Baticola. Sottocoda.
  • Cadenilla de barbada. Catenella del barbozzale.
  • Bocado. Imboccatura.
  • Caireles. Ornamenti, generalmente d’argento, che sostituiscono i bottoni, nelle aperture situate in basso, nelle gambe dei pantaloni dei cavalieri.
  • Calañes. Cappello in velluto tipico dell’abbigliamento Spagnolo del 18.mo secolo.
  • Calzona y Pantalòn. Pantaloni per montare, la calzona porta cinque caireles per gamba, mentre il pantalòn porta i risvolti di colore bianco sporco.
  • Campera / Campero. Campagna nel senso rurale. Si utilizzano questi termini per indicare la giacca o i pantalono del vestito corto per montare.
  • Corbeta. Aria alta dell’Alta Scuola.
  • Cria Caballar. Vedi “FESCCR”

beretta1

 

  • Doma Clasica. Estensione del Dressage classico.
  • Doma Vaquera. Doma da lavoro procedente dal lavoro con i tori poi codificata per il rettangolo concorsi. E’ considerata il dressage della doma da lavoro.
  • Espuelas. Speroni. Gli speroni spagnoli sono neri con rotella. I cinturini di colore marrone e bianchi per i concorsi di Doma Vaquera: mai neri.
  • Estribos. Staffe. Le staffe sono nere e nella foggia ricordano quelle dei cavalieri arabi da dove traggono origine.
  • Feria. Letteralmente Fiera.
  • FESCCR: Fondo de Explotaciòn de los Servicios de Cria Caballar y Remonta. Fino al 31 Dicembre 2006, FESCCR era l’Autorità di Stato che gestiva nella totalità mondiale il Libro Genealogico del PRE e che dal 1.o gennaio 2007 è passata ad ANCCE.
  • Garrocha. Lunga lancia utilizzata dai vaqueros negli allevamenti di tori.
  • Grupera. Cuscino/trapunta posizionato sulla groppa del cavallo e assicurato alla sella per mezzo di cinturini di cuoio. Viene utilizzato principalmente nelle fiere ove le signorine, abbigliate con vestiti della tradizione andalusa, siedono in groppa sulla sinistra abbracciando il cavaliere.
  • Hispano-Arabe: o H-A.Incrocio di razze riconosciuto tra PRE e Arabo. Il Libro Genealogico del H-A sancisce che un esemplare deve avere almeno un 25% di sangue PRE.
  • Iberico. Termine generico con cui si definisce un cavallo della penisola iberica includendo entrambi PRE e Lusitano.
  • Levada. E’ un movimento di Alta Scuola dove il cavallo si appoggia sulle anche e alza le spalle cosicché forma un angolo di 35 gradi con gli anteriori raccolti.
  • Lusitano. Razza originaria del Portogallo. Sebbene storicamente abbia origine dallo stesso ceppo di base, il lusitano è una razza con il proprio Libro Genealogico.
  • Manta Estribera. Coperta ripiegata a cavallo dell’arcione e legata con laccioli di cuoio. Tradizionalmente fatta di materiale di lana colorato.
  • Mantilla. Sottosella, mai usata con la sella vaquera. Sono sempre quadrate con materiale colorato e coordinato con il resto della bardatura.
  • Mosquero. Frangia scacciamosche fatta di strisce di cuoio o crini di cavallo applicata sul frontalino della testiera.
  • Muserola. Mezzaluna di ferro ricoperta di cuoio con due anelli, si posiziona sul naso del cavallo ed è usata con la doppia redine per addestramento.
Presidenza e Segreteria Uaipre – Ancce Italia
C/o Ippodromo Via Ippodromo 31 44122 – Ferrara – Italia
Segreteria Gianni Ughi,  Monia Montanari
Orari dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12
Tel e Fax + 39 0532 762005 Mail: info@uaipre.com
  • Pañuelo. Fazzoletto di seta o raso, di ampie dimensioni portato attorno alla vita. Usualmente scuro a pois bianchi.
  • Paseo: “paseo a caballo”. Passeggiare a cavallo; “chaquetilla paseo”: giacca corta spagnola per montare ricamata, doppio petto; “calzon paseo” : pantalone spagnolo per montare, grigio rigato o scuro senza risvolti.
  • Pechopetral. Pettorale.
  • Polainas. Ghette. Le tradizionali sono allacciate con stringhe di cuoio con assenza di qualsiasi tipo di metallo; sono indossate con il “calzon de paseo”.
  • PRE: (Pura Raza Española). Letteralmente “pura razza spagnola”. Cavallo purosangue spagnolo con genealogia certificata.
  • Riendas. Redini.
  • Serreta. Seghetta in metallo ricoperta di cuoio, con tre anelli: si utilizza sul naso per l’addestramento. Per la presentazione alla longia ha un solo anello ed è ricoperta di cuoio morbido.
  • Sombrero. Cappello ad ala larga con coppa piatta. Si indossa leggermente inclinato sul sopracciglio destro. E’ provvisto di sottogola.
  • Passo Spagnolo. Andatura al passo lento dove gli anteriori del cavallo si elevano notevolmente in alternanza.
  • Très Sangres. Incrocio di sangue di PRE, Arabo e PSI. Molto apprezzato per la Doma Vaquera.
  • Zahones. Copri pantaloni in cuoio utilizzati sia nella monta da lavoro, sia in passeggiata. Lo stile per la monta da lavoro è cuoio liscio o discretamente lavorato, mentre quelli utilizzati nelle fiere sono elaborati nella decorazione chiamata “repujada”.

excalibur1